100 years

Maserati 3500 GT Iniezione

Maserati 3500 GT Iniezione

La Maserati 3500 GT è stata un’auto molto importante per il tridente, nonché la prima vettura italiana di produzione a montare un sistema di iniezione indiretta della benzina. La Maserati 3500 GT venne presentata durante il 1957 e riscosse fin da subito un ottimo successo su scala mondiale. Tuttavia la versione originale della vettura prevedeva ancora la presenza dei carburatori e, visto l’arrivo delle nuove tecnologie ad iniezione indiretta Maserati scelse di modificare il sei cilindri in linea da 3.485.3 centimetri cubi della 3500 GTI.

Estetica e tecnica: gli aggiornamenti del ‘60

Nel 1960 Maserati presentò infatti una variante aggiornata della Maserati 3500 GT che vantava, tra le altre cose, freni a disco anteriori di serie e la possibilità di avere un cambio manuale a cinque rapporti. La Maserati 3500 GT venne poi aggiornata ancora una volta nell’anno successivo con l’introduzione del sistema di iniezione di carburante prodotto da Lucas, con l’aggiornamento motoristico che venne accoppiato, di serie, alla trasmissione manuale a cinque rapporti. Assieme a queste modifiche la Maserati 3500 GTI si aggiornò leggermente anche nell’estetica, evolvendo principalmente le linee delle vetrature e le prese d’aria su cofano e passaruota.

Un’iniezione di potenza

L’arrivo dell’iniezione indiretta di benzina sul sei cilindri della Maserati 3500 GT portò notevoli benefici alla vettura. Il consumo di carburante diminuì, grazie anche alla presenza del cambio manuale a cinque rapporti, più retromarcia, ZF S5-17 e le prestazioni aumentarono grazie alla maggiore potenza generata da questo aggiornamento che, tra le altre cose, rendeva la vettura ancor più elastica nella guida e silenziosa. Il 3.5 litri con corsa di 86 millimetri ed alesaggio di 100 millimetri passò così dagli originali 220 cavalli a 5.500 giri al minuto a ben 235 cavalli a 5.800 giri, il che consentì di migliorare la punta velocistica della Maserati 3500 GT di 10 chilometri orari, fino ad una velocità massima di 240 chilometri all’ora.

Stream di contenuti per le celebrazioni del Centenario